Un posto in prima fila

Edizioni Cantagalli

 19,99

Il Pci fu davvero forza trainante della Resistenza o non piuttosto spina nel fianco del movimento antifascista democratico, giac­ché la guerra di liberazione per quel partito fu occasione per candidarsi al potere e tramutare l’Italia in repubblica popolare di tipo sovietico?

La guerra civile, funzionale al disegno della minoranza comunista, fu contrastata da cattolici e moderati nella speranza di evitarla. Ma il dissenso cattolico, pur condiviso dalla grande maggioranza del Paese, andò deluso per l’insistente opposizione della componente marxista alimentata dall’utopia di una “guerra di popolo”, insussistente. (Leggi tutto)

Descrizione
Informazioni aggiuntive
Recensioni (0)

Il Pci fu davvero forza trainante della Resistenza o non piuttosto spina nel fianco del movimento antifascista democratico, giac­ché la guerra di liberazione per quel partito fu occasione per candidarsi al potere e tramutare l’Italia in repubblica popolare di tipo sovietico?

La guerra civile, funzionale al disegno della minoranza comunista, fu contrastata da cattolici e moderati nella speranza di evitarla. Ma il dissenso cattolico, pur condiviso dalla grande maggioranza del Paese, andò deluso per l’insistente opposizione della componente marxista alimentata dall’utopia di una “guerra di popolo”, insussistente. E qui sta l’attualità del tema, poiché la guerra civile, responsabile di una lunga scia di odio e sangue, continua a essere presentata anche oggi come opzione positiva e obbligata.

A tale riguardo la Chiesa ha scritto una delle pagine più belle della sua storia recente, non solo per il contributo dato alla lotta contro il nazifa­scismo, ma per essere stata fabbrica di pensiero e di umanità capace di suggerire una strategia meno cruenta – ma purtroppo inascoltata – per la soluzione del conflitto interno.

Il romanzo, utilizzando fonti note ma dimenticate, offre una visione non comune della Resistenza, una lettura fuori dagli schemi di parte con cui è stata raccontata per ottant’anni. Del resto, la guerra civile è servita pure a rimuovere l’appello dei cattolici favorevoli a un uso controllato della violenza, per un antifascismo senza odio e una ricon­ciliazione del Paese che tarda ancora a realizzarsi.

Domenico Del Monaco, nato a Campobasso nel 1947, è riminese di adozione e pa­dovano per studi universitari. Laureato in medicina e chirurgia, si è specializzato in anestesia e rianimazione e in stomatologia. Appassionato di storia fin dal liceo, ha potuto coltivare questo interesse solo in tarda età. Nel 2015 ha esordito con il primo romanzo, Sotto il sole di gennaio, una storia d’amore tardiva nel contesto di rapporti familiari difficili e di un tradizionale conflitto tra ragione e sentimento. Ne sono seguiti altri due di argomento storico, Farfalle di Zara (2016) e Italy, my love (2019).

Anno

2024

Numero Pagine

N.D

ISBN

9791259625649 EPUB

Codice prodotto

EDGT450009

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Un posto in prima fila”