Senza fiato

Ponte alle Grazie

 9,99

Durante la Guerra Civile Americana i medici militari, osservando lo stress da combattimento dei soldati, descrissero per la prima volta il fenomeno della iperventilazione acuta e i suoi sintomi. In seguito, a partire dagli anni ’50 del Novecento, la fame d’aria, la dispnea e il senso di soffocamento sono stati oggetto di ricerche che confermavano come l’iperventilazione fosse alla base di numerose patologie idiopatiche.(Leggi tutto)

Descrizione
Informazioni aggiuntive
Recensioni (0)

Durante la Guerra Civile Americana i medici militari, osservando lo stress da combattimento dei soldati, descrissero per la prima volta il fenomeno della iperventilazione acuta e i suoi sintomi. In seguito, a partire dagli anni ’50 del Novecento, la fame d’aria, la dispnea e il senso di soffocamento sono stati oggetto di ricerche che confermavano come l’iperventilazione fosse alla base di numerose patologie idiopatiche. Trentacinque anni dopo, Giorgio Nardone, sotto la supervisione di Watzlawick e Weakland, comprese che i meccanismi della respirazione e della paura si influenzavano a vicenda, e che il problema della fame d’aria si poteva risolvere passando dalla ricerca di spiegazioni alla messa a punto di soluzioni che, se funzionanti, «spiegavano» il problema stesso. Una vera e propria rivoluzione copernicana di cui l’autore è stato protagonista, promuovendo un trattamento terapeutico in grado di agire sia sulla psicologia che sulla fisiologia del soggetto. In Senza fiato, l’autore offre interessanti spunti di riflessione sulla meccanica che alimenta l’effetto del senso di soffocamento, avvalendosi dei contributi di Simona Milanese, medico specialista, e di Sabino de Bari, fisioterapista. L’augurio è che questo scritto concorra a diffondere l’idea che il circolo vizioso tra paura patologica e respirazione disfunzionale si possa e si debba spezzare.

Anno

2023

Numero Pagine

128

ISBN

9788868339623 EPUB

Codice prodotto

EDGT404101

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Senza fiato”