Requiem

Feltrinelli Editore - 2014

Il prezzo originale era: € 4,99.Il prezzo attuale è: € 1,99.

Un vagabondaggio, un’allucinazione, uno scongiuro. Un ‘requiem’ che è congedo dai fantasmi di una donna, di un padre, di un amico, di un poeta, di una casa, di una città.(leggi tutto)

Descrizione
Informazioni aggiuntive
Recensioni (0)

Un vagabondaggio, un’allucinazione, uno scongiuro. Un ‘requiem’ che è congedo dai fantasmi di una donna, di un padre, di un amico, di un poeta, di una casa, di una città. In uno stato a metà tra la coscienza e l’incoscienza, tra l’esperienza del reale e la percezione del sogno, un uomo si trova a mezzogiorno, senza sapersi spiegare come, in una Lisbona deserta e torrida di un’ultima domenica di luglio. Sa di avere azioni da compiere – l’ultima soprattutto: l’incontro con un personaggio illustre e scomparso che forse, come tutti i fantasmi si presenterà solo a mezzanotte, ma non ha idea di come compierle. Si affida così al flusso del caso, secondo una logica che segue le libere associazioni dell’Inconscio. E si trova a compiere un percorso che lo porta a vivere il ricordo nell’attualità di quella giornata, a riandare ad alcune tappe fondamentali della sua vita, a cercare di sciogliere i nodi irrisolti all’origine del suo stato allucinatorio. L’alluzinazione, il viaggio, il sogno durano dodici ore, durante le quali si comprimono e si dilatano i tempi di una vita: passato e presente si mescolano per spiegarsi a vicenda, morti e vivi si incontrano negli stessi luoghi, i luoghi si fissano in un’immobilità che non ha niente a che fare col tempo. Con “Requiem” Antonio Tabucchi, nella forma inedita di diario di un’esperienza misteriosa e sapienziale, ha scritto un libro che è un omaggio al Portogallo: quasi alla memoria di un Paese che gli appartiene profondamente, e al quale profondamente appartiene. Al punto di averlo scritto in portoghese.

Anno

2014

Numero Pagine

144

ISBN

9788858824498 EPUB

Codice prodotto

EDGT72409

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Requiem”