La spada del destino

Casa editrice Nord - 2012

 8,99

LA SAGA CHE HA ISPIRATO THE WITCHER

LA SERIE EVENTO DI NETFLIX

«La serie di romanzi di Andrzej Sapkowski ritorna (finalmente) ad essere un caso letterario.»
Mondo Fox

«Uno dei migliori esempi di fantasy moderno.(Leggi tutto)

Descrizione
Informazioni aggiuntive
Recensioni (0)

LA SAGA CHE HA ISPIRATO THE WITCHER

LA SERIE EVENTO DI NETFLIX

«La serie di romanzi di Andrzej Sapkowski ritorna (finalmente) ad essere un caso letterario.»
Mondo Fox

«Uno dei migliori esempi di fantasy moderno.»
Wired

«Leggere Sapkowski è come farsi ammaliare da un potente incantesimo. »
Time

«Geralt di Rivia è il Witcher creato dalla penna raffinata di Andrzej Sapkowski, autore polacco di una delle saghe fantasy di maggior successo.»
il venerdì la Repubblica – Matteo Strukul

«Un mondo fantasy che gareggia per dimensioni e importanza con quello del Trono di Spade.»
la Repubblica

Geralt di Rivia è uno strigo, un assassino di mostri. Ed è il migliore: solo lui può sopraffare un basilisco, sopravvivere a un incontro con una sirena, sgominare un’orda di goblin o portare un messaggio alla regina delle driadi, fiere guerriere dei boschi che uccidono chiunque si avventuri nel loro territorio… Geralt però non è un mercenario senza scrupoli, disposto a compiere qualsiasi atrocità dietro adeguato compenso: al pari dei cavalieri, ha un codice da rispettare. Ecco perché re Niedamir è sorpreso di vederlo tra i cacciatori da lui radunati per eliminare un drago grigio, un essere intoccabile per gli strighi. E, in effetti, Geralt è lì per un motivo ben diverso: ha infatti scoperto che il re ha convocato pure la maga Yennefer, l’unica donna che lui abbia mai amato. Lo strigo sarà dunque obbligato a fare una dolorosa scelta: difendere il drago e perdere Yennefer per sempre, o infrangere il codice degli strighi pur di riconquistare il suo cuore…

Anno

2012

Numero Pagine

444

ISBN

9788842920618 EPUB

Codice prodotto

EDGT16625

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La spada del destino”